Pagine

mercoledì 29 agosto 2012

peperoni ripieni destrutturati





Questi peperoni me li faceva sempre mia nonna, con la variante che lei li friggeva, mentre io a causa del colesterolo di mio marito li faccio arrostire in padella stufandoli, voi potete scegliere secondo gusto e salute.

Ingredienti x 4 persone:
4 peperoni (io preferisco rossi e gialli, perché hanno la stessa cottura e sono + carnosi),
6 cucchiai di pane grattugiato,
2 cucchiai di grana padano grattugiato,
1 cucchiaio di pinoli, 
2 cucchiai di uva passa (a scelta potete usare la sultanina che è più piccola)
1 cucchiaino di zucchero
sale q.b.
olio q.b.

Procedimento:
Scaldare una padella antiaderente e mettere a stufare i peperoni tagliati a filetti sottili (se li friggete li potete lasciare più larghi). In una scodella unite il pangrattato, il formaggio grattugiato, l'uva passa lavata e fatta ammolare in acqua calda per 5 min., i pinoli tostati e lo zucchero, salare secondo gusto e tenere il tutto da parte. Salare leggermente i peperoni, e a cottura quasi ultimata (sempre secondo il vostro gusto), irrorali di olio tenendo la fiamma alta e versarvi sopra il pangrattato condito, mescolare continuamente fino a quando il pangrattato non si colore e si attacca ai peperoni. Nella versione fritta vi consiglio di cambiare padella e seguire lo stesso procedimento.
Questo contorno e da preferire a temperatura ambiente perché il gusto dei peperoni viene maggiormente esaltato; inoltre io, a volte, metto, una volta tolti dal fuoco, dei pezzi di primo sale o caciotta in mezzo ai peperoni, una bontà.

9 commenti:

  1. Che bello che sei tornata a pubblicare :-)!
    Intanto grazie ancora per il premio che ci ha dato...e grazie per questa ricettina della tua nonna!!
    Buona giornata :-)!
    Elisa

    RispondiElimina
  2. Questa ricetta della nonna è una vera chicca, anche se preferisco la versione stufata in padella a quella fritta. Adoro i peperoni, soprattutto quando leggermente agrodolci come questi :) Piacere di conoscerti, a presto

    RispondiElimina
  3. Buonissimi, che bella idea e anche light rispetto alla versione fritta, ottimo direi! :D Complimenti, io adoro l'agrodolce, sei stata bravissima! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Buona idea!!! Anche io li farei stufati...perchè anche mio marito ha il colesterolo!!! ma che hanno questi uomini!!!???
    Bella ricetta ...e poi le "vecchie" ricette hanno sempre qualcosa di più!!!+?+

    RispondiElimina
  5. Sai che è un'idea davvero carina??!!
    prendo nota...prossimamente proverò!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Ottima idea, per evitare il fritto bisogna provare delle varianti e la tua mi sembra ottima.Cao.

    RispondiElimina
  7. devono essere a dir poco squisiti, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. buonissimi! sicuramente più salutare la versione padellata ;-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...